• Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon
  • mail-icon-78703
  • Icono negro LinkedIn
  • sara

Vita, introspezione, giovialità, amore e viaggi

Oggi voglio parlarvi di uno dei cambiamenti (il più importante) che la mia vita ha avuto negli ultimi anni: andare a vivere all'estero. Mi è sempre piaciuto viaggiare, conoscere luoghi, persone, culture ... ma con il passare del tempo è diventato piuttosto una necessità, voler mettermi alla prova. Non avrei mai immaginato di vivere in un altro paese e parlare un'altra lingua. Non si tratta solo di cambiare città, lingua, casa, usanze, gastronomia, persone ... è anche un cambiamento interno in cui questo trasloco deve essere elaborato.


Ci sono persone che lo vivono meglio e altre peggio. Tutto dipende dalla situazione in cui ti trovi e dal carattere e dalla personalità di ognuno. Nel mio caso, devo dire che non mi è stato così difficile perché ero già stata a Roma per un anno di Erasmus. Ho conosciuto persone, fatto amicizie, ho imparato a muovermi da sola, ho migliorato il mio italiano ... quindi avevo già una leggera idea di com'era vivere qui. Cosa è stato davvero difficile? Trovare un lavoro. Ho trascorso diversi mesi senza lavoro, inviando curriculum e facendo colloqui senza alcun risultato, e devo dire che è stato frustrante.


Le cose hanno cambiato un po quando ho iniziato a fare lezioni private di spagnolo. Anche se non è stato eccezionale, perché avevo pochi studenti, gia era qualcosa che mi teneva occupata e mi permeteva coprire alcune spese. Devo dire che ho preso il gusto di impartire ripetizioni ed è una buona opzione per ottenere piccole entrate quando vai a vivere all'estero. Più tardi ho iniziato a lavorare in un cinema e oggi lavoro per Stradivarius.


Che si ho fatto un corso superiore e una carriera per lavorare presso Stradivarius? No! Ma ho imparato ad apprezzare avere qualcosa che non avere nulla. Ovviamente fintanto che le condizioni di lavoro sono buone, dobbiamo prendere il positivo da ogni situazione e sfruttarla fino a quando dura. Avere lavorato al cinema mi ha permesso di conoscere persone fantastiche, guardare film gratuiti e conoscere il funzionamento del cinema in diverse aree; biglietteria, bar, sale...



Insegnare lo spagnolo mi aiuta a non dimenticare la mia lingua e a sentirmi utile potendo offrire la mia conoscenza ad altre persone che vogliono imparare. Tutto ha il suo lato positivo, l'importante è saperlo trovare.


È impossibile coprire qui tutta la mia esperienza all'estero . Tuttavia, ciò che vorrei sottolineare è il processo di cambiamento di cui stavo parlando all'inizio. Ogni persona che vivrà all'estero ha bisogno del proprio tempo per assimilare il cambiamento. Nel mio caso, sono ancora in questo processo, ma devo dire che ho fatto notevoli progressi nel corso degli anni grazie all'amore che ho ricevuto dalle persone intorno a me, facendomi sentire a casa.


In questo tipo di cambiamento ci conosciamo piu a noi stessi. Attraversiamo situazioni in cui ci chiediamo se saremo in grado di ...? affrontare un colloquio di lavoro in un'altra lingua, comprendere concetti complessi o seguire il filo di una conversazione senza perdersi e sentirsi integrati. Sono situazioni semplici ma comuni che ti mettono alla prova rivelando parti della tua personalità che potresti non aver mai conosciuto. Le cose nuove vengono apprese ogni giorno quando vivi in ​​un altro paese. All'inizio, tutto è sconosciuto e diverso, ma con il passare del tempo e il viaggio stesso inizia a prendere il ritmo.


Infine, la vita è un viaggio senza biglietto di ritorno. Siamo noi a decidere come viverla e quale percorso scegliere . La cosa più importante: amare e pensare sempre in positivo. In questo modo il viaggio sarà piu sereno, non credi?

1 vista0 comentarios

Entradas Recientes

Ver todo
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now